via M. Bonincontro n°39, 90145 Palermo asvope.pa@gmail.com 349 4536729

Attività

L’ AS.VO.PE. svolge a favore dei detenuti, all’interno e all’esterno degli istituti penitenziari, i seguenti servizi:

All’interno delle carceri:

  • Colloqui di sostegno morale ai detenuti.
  • Biblioteca : prestito e guida alla lettura; Incontri con gli autori.
  • Corsi di formazione culturale ( su tematiche bibliche, filosofiche, di educazione alla legalità,di educazione linguistica, di naturopatia)e di sostegno scolastico.
  • Laboratori di teatro, di musica, di fotografia, di piccoli manufatti.
  • Tornei di tennis da tavolo (ping-pong)
  • Progetto “Padri e figli” ( Animazione festa del papà e festività natalizie per i figli minori dei detenuti)
  • E per i detenuti indigenti
  • Gestione guardaroba  (acquisto, raccolta, cernita e distribuzione intimo, vestiario, scarpe, prodotti per l’igiene personale).
  • Fornitura materiali per corrispondenza
  • Fornitura occhiali da vista su richiesta medica.
  • Piccoli contributi economici per telefonare alle famiglie.

All’esterno delle carceri:

  • Aiuto nel disbrigo di pratiche pensionistiche.
  • Corsi annuali di formazione dei volontari penitenziari, convegni ed incontri sulla giustizia penale.
  • Accoglienza e accompagnamento di detenuti in permesso premio giornaliero presso la sede operativa di via M.Bonincontro,39; di persone ammesse ai “domiciliari” e di persone “messe alla prova”.
  • Rapporti con le famiglie dei detenuti e con gli ex detenuti.
  • Rapporti con le Istituzioni penitenziarie (PRAP e UIEPE) e con gli Enti locali ( Regione e Comune).

L’Associazione, sia attraverso iniziative promozionali (cene di beneficenza, calendari etc.) sia attraverso  i mass media,  diffonde  presso  la cittadinanza la cultura della solidarietà, del rispetto per la dignità di ogni persona e  del recupero del detenuto,  in vista del  suo reinserimento nella vita sociale.

Per molti anni si è dato particolare rilievo alla sensibilizzazione e alla diffusione della cultura della legalità fra i  giovani  delle scuole medie inferiori e superiori e alla loro corretta informazione sulla realtà del carcere, elaborando progetti mirati  in accordo con le istituzioni scolastiche.